PugliaRegione Puglia + TarantoProvincia di Taranto 

I dati di ieri parlavano di 38 casi accertati di coronavirus a Taranto città, ma medici e scienziati ogni giorni ci dicono che tanta gente può essere asintomatica; ciò significa che è positiva al coronavirus e non lo sa. Non lo sa, ma può contagiare.

Per questo torno a dirvi che non intendo mandare messaggi diversi da quelli fino ad oggi veicolati a parole e con ordinanze molto restrittive anche rispetto ai Dpcm.

Il governo deve probabilmente cercare di tenere botta circa le migliaia di attività produttive che rischiano fortemente di essere compromesse nella loro economia dal virus, ma io torno a dire che jogging e passeggiate all’aperto devono essere bandite nel primo caso e ridotte al minimo indispensabile nel secondo.

Non cediamo adesso. Faremo in modo di aiutare le nostre piccole, medie e grandi imprese e torneremo a fare attività motoria all’aperto quando questo coronavirus ce lo saremo messo alle spalle.

Saremo tutti provati, certo, ma vivi e pronti a ripartire.

Non possiamo rischiare la salute e intasare ospedali che potrebbero così non essere in grado di curarci.

Non dobbiamo, adesso, cedere di un millimetro davanti al coronavirus.

Il Sindaco
Rinaldo Melucci  

Il nostro pensiero e i nostri sforzi in questo periodo di emergenza sono rivolti agli anziani e disabili che sono soli, privi di una rete familiare o amicale che possa aiutarli. Voglio invitarli a restare a casa e a chiamarci se dovessero necessitare di servizi a domicilio. Noi ci siamo. Il Comune di Taranto è presente, l'assessorato ai Servizi Sociali è vicino a loro. Raccomandiamo di non aprire la porta a nessuno che non sia un parente o un amico. I nostri volontari avranno un tesserino di riconoscimento. Potete contattarci ai numeri della Protezione Civile o del Segretariato Sociale:

- Protezione Civile/Centro Operativo Comunale 800 811 197

- Segretariato Sociale 099 4581786/737/302/825/310

Per i farmaci a domicilio potete contattare Federfarma  al numero 800 189 521, oppure Croce Rossa Italiana Comitato di Taranto e Federfarma al numero 800 065 510.

Se dovesse servire sostegno psicologico il numero di riferimento è 3317276794 attivo dalle 8 alle 13 e dalle 15 alle 20 tutti i giorni.

"Lancio un appello a tutti coloro che sono in fila per fare la spesa - ha concluso l'assessore Gabriella Ficocelli -, chiedo la cortesia di dare la precedenza ai nostri volontari che gratuitamente stanno offrendo un meraviglioso servizio ad anziani e disabile della nostra città per permettere loro di raggiungerli più rapidamente".

«La situazione nel Paese resta drammatica, permane ancora grande confusione rispetto alle misure da adottare per contenere la diffusione del contagio, ma proseguiamo con un approccio restrittivo che, al netto delle successive evidenze scientifiche, attualmente appare come il più efficace».

Con questo commento, il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci ha firmato un’altra ordinanza che interviene su diverse attività che presentavano profili di rischio. La prima misura, adottata a seguito di un confronto con Ordine dei Farmacisti e Federfarma, riguarda la chiusura di farmacie e parafarmacie dalle 18:30 alle 8:30, con eccezione delle farmacie di turno con apertura notturna, domenicale e festiva. Tale disposizione sarà efficace da lunedì 23 marzo, fino al 3 aprile.

Ha effetto immediato, invece, il divieto di effettuare attività motoria all'esterno delle proprie abitazioni. L’uso della bicicletta e lo spostamento a piedi saranno consentiti solo per le motivazioni previste dai decreti governativi, ossia lavoro, ragioni di salute o altre necessità di sussistenza. Restano consentite le uscite per permettere agli animali da compagnia di espletare le proprie funzioni fisiologiche, ma solo nella prossimità delle rispettive abitazioni.

Sospese con effetto immediato anche tutte le tipologie di gioco (per esempio slot machines, video lottery, scommesse, 10eLotto) che comportino stazionamento o permanenza degli avventori nelle tabaccherie o altri locali autorizzati.

Una precisazione rispetto alle precedenti ordinanze riguarda l’apertura di edicole e rivendita di giornali e riviste nelle giornate domenicali e festive: è consentita dalle 7:30 alle 13:30.

Questa ordinanza integra le precedenti, tra le quali ricordiamo le misure  più importanti per la comunità: chiusura di supermercati e rivendite di generi alimentari dalle 18:30 alle 7:30 e per tutta la giornata nei festivi, chiusura totale dei distributori automatici cosiddetti "H24" e chiusura dei parchi.

«Comprendiamo che il sacrificio richiesto è grande – ha aggiunto il primo cittadino –, ma in questo momento preservare la salute pubblica è un obbligo al quale siamo chiamati tutti e che pone in secondo piano le ricadute di natura economica delle quali ci occuperemo successivamente, con altri provvedimenti».

Al via dalla prossima settimana la didattica a distanza per i bimbi che frequentano alcuni degli asili nido comunali, unitamente ai bimbi dell’asilo nido Baby Club in concessione.

L’iniziativa è stata fortemente voluta dall'assessore alla Pubblica Istruzione Deborah Cinquepalmi, unitamente al supporto operativo della Direzione Pubblica Istruzione.

Stante il perdurare della sospensione delle attività didattiche educative a causa della diffusione del Covid-19, per essere vicini alle famiglie che in questo momento trovano difficoltà a conciliare la vita familiare con quella lavorativa, e soprattutto per i piccoli utenti dei nidi comunali di Taranto, si vuole continuare il percorso avviato della progettazione educativa annuale con la didattica a distanza. «Far stare i bambini a casa a tempo indeterminato - commenta l’assessore - non è facile e, sebbene i nidi non rientrino nell'obbligo scolastico, poiché vi è il forte intendimento dell'amministrazione Melucci che i bambini non perdano le opportunità di apprendimento e il legame con gli educatori, abbiamo dato il via a questi progetti. Per i bambini può essere importante anche semplicemente risentire la voce dell’educatrice per immaginare un ritorno alla normalità».

Attraverso l’utilizzo di video che ripropongono favole, canzoni e giochi, nei gruppi Whatsapp e con la collaborazione dei genitori, i bimbi che frequentano i nostri nidi comunali avranno modo di vedere e sentire la voce delle loro educatrici che, effettuando semplici attività di manipolazione, grafico-pittoriche e senso-percettive, continueranno a rafforzare le loro competenze cognitive, linguistiche e sensoriali, con un unico e forte messaggio: noi ci siamo e andrà tutto bene.

Siamo tutti al lavoro per questa emergenza Covid-19, ma anche se la macchina e le nostre città stanno rispondendo a dovere, qualcosa va ancora risolto. Ci appelliamo  dunque al senso di responsabilità e alla sensibilità di tutti gli attori istituzionali, locali e regionali, perché questa emergenza sta dimostrando un impatto devastante per la vita delle nostre comunità. Dobbiamo essere messi in grado di gestire correttamente anche l'informazione. Siamo certi che l'etica possa prevalere sopra ogni considerazione, affinché questa pandemia lasci in tutti una grande lezione di civiltà e un rafforzato senso della collettività.

Nel particolare, le autorità sanitarie sui nostri territori, cioè i sindaci, sono chiamati in questo momento a grandi sforzi organizzativi, a contenere le ansie e una grande pressione da parte dei cittadini, ma purtroppo non sempre ricevono in un tempo accettabile, o a volte non li ricevono affatto, i dati di questa emergenza, i cui numeri per ora e per fortuna restano ancora contenuti nella nostra Provincia. Per altro, una puntuale e dettagliata circolazione di questi dati sarebbe stata prevista, da ultimo, da una circolare di ieri sera del Viminale, prodotta su sollecitazione dell'Anci.

Per questo motivo, interpretando il sentimento e le difficoltà di tanti colleghi amministratori, abbiamo deciso di scrivere al Prefetto di Taranto, per rinnovare questa nostra esigenza di trasparenza, nei limiti delle competenze che la norma assegna ai Comuni, perché egli si faccia promotore presso la Protezione Civile, la Regione Puglia e l'Asl di Taranto di questo principio.

Con analoghe finalità, a nome della Conferenza dei Sindaci ionici in seno ad Asl, abbiamo richiesto chiarimenti sui dispositivi e la riorganizzazione dei posti letto che la nostra azienda sanitaria sta mettendo in campo per affrontare l'emergenza Covid-19. Anche in questo caso, i cittadini hanno il diritto di essere informati e meritano che i loro rappresentanti democratici siano messi in condizione di gestire al meglio la situazione, in perfetta sinergia con le altre autorità preposte.

Ad oggi, almeno a Taranto e nella sua Provincia, l’unica fonte di informazioni sulla emergenza sanitaria resta un bollettino serale a mezzo social network del Presidente della Regione Puglia, che ringraziamo ma al quale chiediamo di perfezionare questa modalità e questa tempistica, nella direzione qui auspicata.

Un'ultima precisazione riguardo alle donazioni, in denaro e materiali, che tanti operatori privati hanno in animo di destinare alle strutture ospedaliere ioniche. Veniamo sollecitati in questo senso, perché sembrerebbe che si stiano centralizzando queste generose rimesse, senza alcuna capacità di monitoraggio da parte degli enti locali ionici delle effettive ricadute sui plessi della nostra Provincia, situazione che scoraggia gli stessi donatori.

Solo insieme ne usciremo fuori, è il momento di rispettare i ruoli e il lavoro di tutti, non è il tempo dei protagonismi.

Il Presidente della Provincia di Taranto

Giovanni Gugliotti

Il Sindaco del Comune di Taranto

Rinaldo Melucci



In Evidenza

 


politiche2022 

Servizi

 

 

 
 

    LM banner 200x100    pagoPA    Cattura     PROTEZIONE CIVILE Banner appalti LM banner 200x100 .LM banner 200x100Banner appaltiBanner appalti  Banner appaltiLM banner 200x100Banner appalti 

Il sito istituzionale del Comune di Taranto è un progetto realizzato da Parsec 3.26 S.r.l.

Torna all'inizio del contenuto

Questo sito utilizza i cookie per il funzionamento e per offrirti una migliore esperienza. I cookie tecnici e i cookie utilizzati per fini statistici sono già stati impostati. Per ulteriori dettagli sui cookie, compresi quelli terze parti, e su come gestirne le impostazioni consulta la Cookie Policy.

Cliccando ACCETTO acconsenti all’utilizzo dei cookie.