Il nuovo presidente del consiglio di amministrazione dell’Amat spa è l’ingegner Silvano Cavaliere.

Dopo la rinuncia del professor Roberto Fazioli l’amministrazione comunale ha ripreso l’esame dei curricula inviati a seguito del bando pubblico e ha individuato il professionista al quale sarà affidata la responsabilità di gestire l’azienda di trasporto pubblico locale.

L’ingegner Silvano Cavaliere è tarantino, compirà 70 anni a maggio prossimo, si è laureato in Ingegneria meccanica all’università di Bologna nel 1972. La sua carriera professionale l’ha portato in molte città italiane dove si è occupato sempre di trasporti maturando una approfondita esperienza del settore.

Dopo otto anni trascorsi nelle Ferrovie dello Stato come Ispettore ruolo ingegneri è transitato all’Amat di Taranto ricoprendo dal 1981 al 1991 la funzione di direttore generale. Si è spostato quindi a Reggio Emilia e per sei anni, fino al giugno 1997, è stato il direttore generale del Consorzio “Azienda consortile trasporti-Act Reggio Emilia”.

Alla fine di questa esperienza è ritornato al Sud. Tre anni, fino al 2000, ha occupato il ruolo di direttore generale e di esercizio al Consorzio salernitano trasporti pubblici per poi risalire al Nord. A Modena ha svolto il ruolo di Direttore generale e di esercizio ferroviario e filoviario per conto di Atcm, l’azienda di trasporti collettivi e mobilità spa.

Dal 2006 al 2011 è stato direttore “Sviluppo strategco e gestione parco bus regionale” all’Ente autonomo Volturno e amministratore unico di “Eav Bus” di Napoli.

Per un anno (2012-2013) si è occupato della direzione di Esercizio Filoviario alla Sgm di Lecce.

Da settembre 2011 al giugno 2017 è poi stato l’amministratore unico di Srm, Società reti e mobilità, di Bologna.

Nel frattempo, da settembre 2013 a luglio 2014, si è riaffacciato all’Amat di Taranto elaborando il piano industriale 2014-2016.