Alcune considerazioni a margine del Trofeo del Mare,organizzato dalla Marina Militare Italiana, Comando Sud, Comune di Taranto e CONI.
“Il trofeo del mare è stata una splendida manifestazione finalizzata a sviluppare nei giovani delle scuole medie e superiori la cultura e la passione del mare attraverso gli sport marinari, che sono parte della tradizione della Città.
L’iniziativa ha tutte le carte in regola per diventare un appuntamento fisso del calendario Tarantino e per richiamare, col tempo, equipaggio giovanili da tutta Italia.
Grazie alla forte sinergia con la Marina, nel corso dell’ultimo anno si sono moltiplicate le attività di promozione sul canale Navigabile: le aperture ponte per lo spettacolare passaggio delle navi in orario serale, l’approdo del Kismet durante il film, il videomapping di Andrew Duff durante il Medimex e quello realizzato dal Comune con Dotstudio per il Trofeo del mare hanno avuto un crescente riscontro di pubblico e le immagini di questi eventi hanno avuto una vastissima eco: Taranto comincia ad essere conosciuta per quanto di spettacolare ha da offrire.
L’allargamento dell’area vivibile di Taranto, attraverso lo “sdoganamento “ del ponte, è anche una importante operazione di recupero sociale della città. Taranto offre tanto e va vissuta tutta, attraverso azioni di controllo, riqualificazione e promozione. Le due strategie sono e devono essere complementari e, come amministrazione, operiamo in pieno coordiamento e sintonia per perseguire gli obiettivi utilizzando tutti gli strumenti a disposizione”.