Comunicazioni alla cittadinanza

Avviso pubblico per l’erogazione di contributi per morosità incolpevole – anno 2017 e 2018.

La Direzione Servizi sociali comunica che è in pubblicazione l'avviso per l’erogazione di contributi per morosità incolpevole – anno 2017 e 2018.

Bando per contributo integrativo per canone di locazione - Annualità 2018

La Direzione Servizi Sociali informa che è in pubblicazione il bando di concorso per l’assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione per le abitazioni ai sensi dell’art.11 della legge 9 dicembre 1998 n.431 – Competenza 2018 -.

Siglata la convenzione per lo svolgimento dei lavori di pubblica utilità per gli imputati ammessi alla prova.

5DAECDA8 0BD5 40E1 8202 CA754554AFF3Siglata oggi la convenzione tra il Comune di Taranto, rappresentato dall’assessore Francesca Viggiano, e il Presidente del Tribunale di Taranto, su delega del Ministero della Giustizia, per lo svolgimento dei lavori di pubblica utilità per gli imputati ammessi alla prova.

Grazie a questa convenzione i soggetti, individuati in numero di 10 per volta, svolgeranno attività non retribuita in favore della collettività e del territorio tutto.

“La convenzione - commenta l’assessore Viggiano - si pone l’obiettivo di coinvolgere gli imputati con lo scopo di inserirli in un percorso riabilitativo con ricadute sociali, attraverso lavori di supporto agli uffici, di sportello in ausilio alle attività comunali, di manutenzione, di cura del verde pubblico e di assistenza alla persona. L’Amministrazione Melucci ha accolto con favore questa proposta, per la quale ringrazia infatti l’UEPE per il lavoro di intermediazione, essendo convinta dell’importanza della funzione rieducativa della giustizia e della necessità di non escludere nessun cittadino dall’integrazione sociale”.

Ficocelli: “Per la prima volta collocati in comunità un papà con il suo bambino”.

“La parità di genere si raggiunge anche grazie al grande lavoro psicologico, culturale e sociale messo in campo da tutti gli operatori del servizio sociale professionale del Comune di Taranto. Si raggiunge quando, per la prima volta nella storia sociale di Taranto, possiamo raccontare che, a seguito del provvedimento del Tribunale per i Minorenni, è stato effettuato  l’allontanamento per problematiche familiari e a seguire il trasferimento e collocamento in struttura, di un papà con il suo bimbo”.
Con estrema soddisfazione lo annuncia l’Assessore ai Servizi Sociali, Gabriella Ficocelli.

“Per noi - continua l’assessore Ficocelli - è motivo di crescita e di orgoglio questa scelta che può sembrare diversa, ma che non lo è se si considera che per la tutela e il bene dei minori bisogna valutare solo le migliori opportunità per loro; e in questo caso il nuovo progetto di vita del bimbo  vedrà suo padre tenerlo per mano, assieme ad una equipe di professionisti e in ambito totalmente protetto”.

Si giunge così a questo lieto fine dopo un lungo percorso di mediazione e di incontri volti a rispondere ai bisogni di accoglienza, protezione, sostegno alle funzioni genitoriali, accompagnamento a percorsi di autonomia e inclusione sociale e lavorativa di un padre con il proprio figlio minorenne.

Pronti a partire con le borse lavoro. Lunedì 18 avvio del progetto destinato ai ragazzi in età 16-21 anni.

In un periodo di incertezze socio-economiche per la città di Taranto, in cui alto è il tasso di disoccupazione come anche l’indice di anzianità della popolazione, l’Amministrazione Melucci vuole scommettere sui giovanissimi e lo fa con uno strumento educativo/formativo per facilitare l’inserimento nel mercato del lavoro. Partirà, infatti, la prossima settimana, il progetto delle Borse Lavoro destinato ai  soggetti che si trovano in condizioni di disagio psico-sociale, a rischio di devianza o entrati nel circuito penale, affidati ai servizi sociali territoriali o ai servizi minorili della giustizia e ospiti di comunità nell’ambito di provvedimenti civili o penali dell’AGM. A farlo sapere è l’Assessore ai Servizi Sociali ed Integrazione, Gabriella Ficocelli. “II Progetto ha durata triennale e sarà rivolto a ragazzi di ambo i sessi in fascia di età 16/21 anni. I ragazzi, che verranno coinvolti in numero massimo di 25 per ogni ciclo di Borse Lavoro, saranno impegnati per 8 mesi, 2 mesi saranno dedicati alla formazione gratuita e 6 mesi, con una retribuzione mensile di 400€, all’attività lavorativa presso gli artigiani e le aziende del territorio partner del progetto. Ci prefiggiamo di offrire risposta ai bisogni dei giovani in particolari condizioni di disagio e criticità, mediante la realizzazione di progetti personalizzati volti a favorire percorsi di integrazione sociale ed assicurare una positiva esperienza formativa. Ma soprattutto si metterà in campo il know how dei formatori e degli educatori per indirizzare i ragazzi oltre che alla ricerca del lavoro a loro più congeniale, anche nella creazione delle basi per lo start up d’impresa, per renderli autonomi offrendogli tutte le basi per realizzare un’idea d’impresa e per contrastare gli effetti nefasti di un mercato del lavoro stagnante. Crescere, formarsi, lavorare e crearsi un lavoro invece che aspettarlo dagli altri, secondo le linee guida dettate dal Sindaco Melucci, con l’Assessorato ai Servizi Sociali da lunedì 18 novembre 2019 sarà possibile. Generiamo una piccola speranza di cambiamento e lo facciamo cominciando dai più deboli”, conclude l’Assessore Ficocelli.